< < < HOME

03.04.2013

Interrogazione - POLIZIA DI LUGANO: tutto sotto controllo?

Una mia nuova e urgente interrogazione al Municipio di Lugano riguarda i fatti di cronaca degli ultimi anni. Si ripetono con regolarità i "presunti" abusi di potere della Polcom. Il comune vuole agire o fa come la Chiesa: nasconde l'evidenza sotto un bel manto d'omertà?


Scarica il PDF dell'interrogazione cliccando QUI.



INTERROGAZIONE – POLIZIA DI LUGANO: TUTTO SOTTO CONTROLLO?


Premesso che:

  • fare il poliziotto è un lavoro difficile e rischioso,

  • la polizia comunale è sotto dotata di effettivi,

  • alcuni delinquenti sono spregiudicati e violenti,

  • anche i poliziotti sono uomini (o donne) con le loro debolezze,

  • le “mele marce” sono un po' dappertutto,


da più parti ci si chiede cosa stia accadendo dentro il corpo di polizia comunale alla luce dei fatti recentemente comparsi sui media, i quali sembrano essere solo la punta dell'iceberg.

Due agenti della Polcom di Lugano sono sotto inchiesta penale del Ministero pubblico per reati gravissimi quali: lesioni gravi, vie di fatto, omissione di soccorso, abuso di autorità e sequestro di persona. I media raccontano che i due abbiano prelevato un uomo alla stazione di Lugano, lo abbiano portato ad Arogno e lì lo abbiano pestato e abbandonato.


Da tempi immemori si parla di violenza eccessiva delle forze dell'ordine, ed il 2012 in particolare è stato caratterizzato da ripetute denunce di abusi di potere. I nervi alla Polcom di Lugano sembrano essere tiratissimi.

Vi sono casi di cittadini svizzeri di colore e non, insultati con provocazioni di stampo xenofobo e razzista. Casi in cui vi sarebbe stato un uso sommario dello spray al pepe e del manganello. Sempre più spesso sentiamo e leggiamo di mezzi coercittivi eccessivi, di violenze su stranieri, preferibilmente africani, con regolare permesso di soggiorno. Ci sono state addirittura violenze sproporzionate che hanno fatto reagire la gente di passaggio al parco Ciani.

Pestaggi, torture, intimidazioni in via Beltramina sarebbero addirittura ricorrenti.

È chiaro che il potere loro messo a disposizione può portare a perdere il controllo, ma ogni violenza sia verbale che fisica è del tutto intollerabile se messa in atto dai rappresentanti dello Stato nonché difensori dell'ordinamento giuridico e della democrazia.

Le dichiarazioni delle istituzioni tendono a minimizzare la problematica e a rassicurare i cittadini ma la situazione che cova sotto la cenere sembra più grave di quanto possa apparire a prima vista. Sminuendo, tollerando, non prendendo le distanze e non punendo severamente i comportamenti violenti, sia il Cantone Ticino che la Città di Lugano si rendono complici e arrecano pregiudizio ai propri doveri nei confronti della società civile e nei confronti degli agenti che si comportano correttamente.



Alla luce delle considerazioni fin qui esposte pongo i seguenti quesiti al lodevole Municipio:


  1. quante sono le indagini aperte in seguito a denunce di persone vittime di abusi da parte di agenti Polcom?

  2. quante sono state le condanne penali o i provvedimenti disciplinari nei confronti di agenti in seguito a denunce di abusi di potere, eccessi di violenza, lesioni gravi o semplici, ingiuria, vie di fatto, furto negli ultimi 5 anni?

  3. quali sono le sanzioni comminate a chi riconosciuto colpevole?

  4. gli agenti con procedimento aperto vengono sospesi dal servizio?

  5. cosa ha fatto il Municipio negli ultimi anni affinché non accadessero più abusi di potere o simili? E cosa farà in futuro?

  6. che formazione hanno gli agenti in merito alla gestione dello stress e dell'aggressività loro ed altrui?

  7. vi è un sostegno psicologico che possa monitorare i più problematici?

  8. è ancora valido il progetto scriteriato di utilizzo in futuro di Teaser elettrici?

  9. ci sono degli estremisti di destra nel corpo comunale? Vengono effettuate verifiche in tal senso?

  10. negli ultimi 5 anni cosa ha fatto per incrementare gli effettivi?

  11. con l'avvenuta aggregazione la città crescerà di più del doppio, quali garanzie dà affinché il territorio verrà adeguatamente protetto?

  12. che ne pensa dell'idea di creare una Commissione di controllo della Polizia come avviene a livello cantonale con la Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione?




Ringrazio per l'attenzione e invio distinti saluti.


Alessio Arigoni

Consigliere comunale PS


"Politica e attivismo" . Altri articoli della stessa categoria

Webdesign by Toast Communication Lab